Siamo tutti mattoni.

Siamo tutti mattoni.

Ognuno di noi è la cima di una piramide dove ogni mattone che ci sorregge è una persona cara, nonni, zii, fratelli, genitori.

Non importa quale posizione abbia la persona che viene meno, la tua piramide perderà per sempre la sua stabilità originale.

Anche se all’inizio pensi che quella privazione non avrà tanto riscontro sulla sua vita è lì che scatta qualcosa  che ti fa ricredere, rivaluti il metro di valutazione e ti rendi conto che quel piccolo tassello, nonostante le dimensioni minori, era uno dei più stabili della tua struttura, e senza di lui diventa più difficile tenersi in equilibrio.

Se solo si potesse sapere almeno con un giorno di anticipo quando arriverà quel giorno per una certa persona questa vita sarebbe migliore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *